12/02/2019

Mercati azionari asiatici in recupero

Migliora il tono dei mercati azionari dopo che negli Stati Uniti è stato raggiunto un accordo per evitare una nuova chiusura parziale delle attività federali, anche se Trump non ha ottenuto i 5,7 miliardi di dollari per il muro con il Messico.  Gli investitori sperano poi che dai negoziati con la Cina di questa settimana emerga un accordo per evitare nuovi dazi a fine mese.

Wall Street ha chiuso invariata a 2709,8 punti (grafico a destra), ma i futures guadagnano mezzo punto nelle ore asiatiche grazie l rialzo del 2,6% del mercato giapponese, che trae beneficio dal rialzo del dollaro/yen a 110,60.  In ribasso di mezzo punto Apple a 169,43 e Microsoft a 105,25, mentre Amazon sale leggermente a 1591 dollari.

Il dollaro si rafforza anche contro l’euro, sui minimi dell’anno a 1,1280 e in avvicinamento al minimo dell’anno scorso a 1,1220 grazie ai segnali di significativo rallentamento della congiuntura europea.

Il rialzo il petrolio WTI a 52,70 dollari al barile seguendo i mercati azionari, mentre si indebolisce il mercato obbligazionario per la stessa ragione, con il rendimento del decennale in leggero recupero a 2,67%.

Anche oggi non abbiamo dati macro significativi e dovremo attendere domani per avere l’inflazione Usa di gennaio, attesa in flessione al’1,5% dall’1,9% di dicembre.

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.