12/03/2019

Reazione positiva dei mercati al possibile accordo sulla Brexit

La notizia del giorno è la revisione dell’accordo sulla Brexit decisa in serata tra Theresa May e Junker che pone un limite temporale della fine 2020 per la definizione del problema del confine fisico con l’Irlanda del Nord, che il precedente accordo lasciava indefinito, di fatto lasciando aperta la possibilità che l’UK rimanesse divisa in due indefinitivamente dal punto di vista dei rapporti commerciali con l’Unione Europea, cosa inaccettabile per la maggioranza dei parlamentari inglesi.

E’ ora possibile che il Parlamento inglese oggi voti a favore di questa nuova versione, anche se la cosa non è affatto scontata.  In ogni caso l’euro e la sterlina aprono in rialzo a 1,126 e 1,3230 rispettivamente e i mercati azionari asiatici chiudono con rialzi compresi tra l’1,% di Shanghai e l’1,79% di Tokyo.

La giornata di ieri è stata particolarmente positiva per i mercati americani, con i tecnologici che hanno recuperato terreno dopo cinque giornate al ribasso: l’indice Nasdaq sale del 2% (grafico in basso) grazie al +3,46% della Apple che chiude a 178,9 dollari e al +3% di Amazon a 1670 dollari. Positiva anche Microsoft a +2,1%.  In assenza di particolari notizie in grado di giustificare il rialzo di ieri gli analisti citano l’acquisto da parte di Nvidia (microchips) della società israeliana Mellanox per 6,8 miliardi di dollari.

In controtendenza la Boeing che perde oltre il 5% dopo l'incidente in Etiopia, ma in apertura di giornata le perdite era superiori al 10%.

Il rally dei mercati azionari ha inevitabilmente indebolito il mercato dei Treasurys e il rendimento del decennale sale questa mattina leggermente al 2,66%, rimanendo comunque all’interno della trading range delle ultime settimane.  Il mercato obbligazionario americano dovrà oggi superare l’ostacolo del dato dell’inflazione di febbraio atteso per le 13:30 italiane: il tasso tendenziale dovrebbe rimanere fermo all’1,6% e quello “core” al 2,2%, ma le sorprese potrebbero essere al rialzo.

 

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.