17/06/2022

Pictet Japanese Equity Selection

CARATTERISTICHE

Il Pictet Japanese Equity Selection investe in titoli azionari giapponesi seguendo come benchmark l’indice MSCI Japan.  Lo stile di gestione è abbastanza neutrale della allocazione settoriale, mentre è più attivo nello stock picking: ad esempio a inizio maggio le prime posizioni del fondo erano su titoli primari del benchmark come Toyota, Sony, Hitachi e Shin-etsu Chemical, ma anche su titoli come Nintendo o Renesas Elecctronics a scapito di altri importanti titoli del benchmark come Keyence e Tokyo Electron.  Non sono scostamenti radicali dall’indice di riferimento, ma che hanno portato a risultati relativi stabilmente positivi.

I RISULTATI

La performance annua negli ultimi tre anni della classe R è stata del 10,9% e superiore a quella del benchmark del 4%.  E’ una performance in larga parte dovuta all’ottimo 2021 che ha visto il fondo sovraperformance dell’8% mentre nell’anno precedente il risultato era stato lo stesso del benchmark.  I primi cinque mesi dell’anno hanno  visto il fondo ottenere un risultato del 2% superiore rispetto all’indice.

La volatilità dei rendimenti mensili è stata nella media della categoria.

CLASSI E COSTI

Del fondo vengono distribuite in Italia soprattutto le classi retail R: una è in yen e due in Euro, una delle quali con la copertura del rischio cambio.  Il loro costo totale di gestione è stato del 2,02% nel corso del 2021.

L’OPINIONE

Il Pictet Japanese Equity Selection è il fondo che ha ottenuto i risultati migliori della categoria nel corso degli ultimi tre anni ed è adatto all’investitore che vuole una gestione moderatamente attiva sui titoli azionari giapponesi a maggiore capitalizzazione con un track record stabilmente positivo.

 

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.