07/10/2021

Mercati azionari in rialzo

Dopo una giornata in territorio negativo Wall Street ha recuperato prima della chiusura chiudendo in territorio positivo dello 0,4$ per l'indice SP500 a 4363,55 punti (grafico a destra) e per giustificare il rialzo viene citata la dichiarazione dei Repubblicani a favore di un aumento del tetto del debito federale sino a dicembre, come se qualcuno pensasse che gli Stati Uniti andassero in default: questo tetrino accade da anni con un accordo appena prima della scadenza.

Il recupero del mercato è più che altro legato al prevalere della psicologia di comprare le correzioni, che sinora ha funzionato egregiamente.

Non cambia lo scenario di fondo che prevede una rallentamento della crescita e un aumento delle pressioni inflazionistiche, anche se ieri il petrolio WTI ha corretto un paio di dollari dai massimi della settimana finendo a 76,9 dollari al barile dopo il dato dell'EIA di un aumento delle scorte americane la scorsa settimana.
Ieri sono stati i titoli tecnologici a guidare il recupero con Microsoft in prima fila a +1,51% seguita da Amazon a +1,27% e NVIDIA a +1,22%. Google guadagna l'1,13% e la Apple lo 0,63%.
Invariatoil settore bancario con Bank of America che sale dello 0,05% e JPMorgan dello 0,21% mentre il rialzo del settore energetico ha perso terreno: Exxon Mobil perde l'1,83% e Chevron lo 0,83%.

I mercati asiatici hanno seguito il rimbalzo di Wall Street: Tokyo ha guadagnato lo 0,54%, Seul l'1,76% e Hong Kong il 2,54% e i futures sugli indici americani salgono dello 0,5%.
Dal fronte macro oggi si attende il dato settimanale delle richieste di sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti in attesa di quello di domani della disoccupazione di settembre.

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.