24/06/2020

Mercati azionari poco mossi

Wall Street ha chiuso ieri in rialzo di un ulteriore 0.42% a 3131 punti (grafico a destra) e anche ieri grazie ai soliti titoli tecnologici  con la Apple che guadagna il 2,1% a 366,5 dollari nonostante Goldman Sach abbia qualche timore che la congiuntura debole abbia un impatto sugli acquisti di cellulari di fascia alta. Prosegue poi il rialzo di Microsoft a 201,91 dollari, nuovo massimo storico e di Amazon a 3746 dollari (+1,86%).

Tesla riguadagna il 1000 dollari e Facebook sale dell’1,26% a 242,24 dollari e Google di quasi un  punto percentuale a 1464 in prossimità della valutazione di un trilione di dollari.  Qualche titolo deve pur scendere e American Airlines perde il 6,17%.

Il rialzo di ieri viene spiegato dagli analisti con le aspettative che il Congresso americano approvi un nuovo pacchetto di stimoli fiscali in  luglio, mentre i dati poco  incoraggianti dal fronte  sanitario non sembrano preoccupare gli investitori.

Dobbiamo però segnalare come l’indice SP500 da qualche giorno continua a muoversi lateralmente mentre i titoli tecnologici fanno segnare nuovi massimi storici: è un segno che il rialzo dell’indice è sempre più legato a pochi titoli e pertanto ha poco senso parlare di movimenti degli indici quando cinque titoli hanno quasi raggiunto il 25% dell’SP500.

I mercati asiatici hanno chiuso poco mossi, con l’eccezione di Seul  che guadagna l’1,4%, e anche i futures sugli indici americani sono vicini alla chiusura di ieri. Poco mossi anche i mercati europei, con l'indice Stoxx invariiato (grafico in basso).

Sul mercato dei cambi si segnala il ritorno dell’’euro sopra quota 1,130 grazie ai dati positivi di ieri dei survery dei responsabili degli acquisti della IHS Markit, mentre il mercato dei Treasury è poco mosso  con il rendimento del decennale a 0,72%.  Stabile anche il petrolio WETI a 40,40 dollari al barile in attesa del dato delle scorte settimanali di oggi pomeriggio.

Per la  giornata odierna l’attenzione è puntata sull’indice IFO della congiuntura tedesca di giugno atteso alle 10:00 e le previsioni degli analisti sono per una risalita a quota 85 dal 79,5 del mese precedente.

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.