23/05/2022

Mercati azionari positivi in apertura di settimana

In assenza di particolari notizie i mercati azionari aprono la settimana in rialzo, con gli indici europei che aprono a +1% e i futures sugli indici Usa a +1,3%.

I mercati asiatici hanno chiuso positivamente con Tokyo a +0,98% e Seul a +0,31%, ma Hong Kong ha perso l'1,25%.

Sul mercato dei cambi si rafforza l'Euro a 1,060 mentre il petrolio sale sopra ai111 dollari al barile.

L'attenzione degli investitori è oggi puntata sull'indice IFO della congiuntura tedesca di maggio, atteso in diminuzione rispetto al mese precedente.

Sui mercati azionari Wall Street continua ad essere particolarmente debole e alla ricerca di un solido supporto da cui rimbalzare: mentre i mercati europei e asiatici venerdì hanno chiuso positivamente il Nasdaq ha chiuso in ribasso dello 0,3% mentre l'SP500 ha chiuso invariato recuperando oltre un punto dal minimo intraday a 3810 punti (grafico a destra): sembra che sotto quota 3900 si riduca la pressione della vendite, ma mancano ancora i segnali di fine della fase di correzione che ha ridimensionato il principale indice americano del 20% da inizio anno: il ritorno sopra quota 3950 sarebbe un primo segnale di inversione.

Lo Stoxx50 europeo continua invece a mostrare una migliore tenuta facendo segnare minimi crescenti dopo il minimo del 7 marzo.

Venerdì hanno chiuso positivamente i titoli petroliferi grazie al WTI sopra ai 110 dollari al barile: Chrevron ha guadagnato lo 0,58% ed Exxon Mobil lo 0,79%, mentre i principali titoli tecnologici hanno chiuso contrastati: Facebook ha recuperato l'1,18%, Amazon lo 0,25% e Apple lo 0,17% mentre Microsoft ha perso lo 0,23% e Google l'1,34%. Particolarmente debole Tesla a -6,42% mentre NVIDIA ha perso il 2,51%.

Ancora deboli i titoli bancari con Bank of America a -1,74% JPMorgan a -0,82% mentre i rendimenti dei Treasury decennali scendevano a 2,79%. Il Tbond ha chiuso sui massimi del mese a 141,75.

Tra i titoli in maggiori ribasso si segnala il 14% di Deere mentre tra i maggiori rialzi quello dell'immobiliare American Tower a +4,7% e del farmaceutico Eli Lilly a +4,3%.

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.