06/04/2021

Nuovo massimo per Wall Street dopo il dato della disoccupazione

Il mese di aprile è iniziato con un ampio rialzo dei mercati azionari e di Wall Street in particolare, con l'indice SP500 che ha guadagnato oltre 100 punti dalla chiusura di mercoledì scorso finendo ieri a 4077,91 punti con un rialzo dell'1,44% (grafico a destra).
Il dato della disoccupazione americana di marzo rilasciato venerdì ha mostrato un aumento degli occupati di 916 mila unità e una discesa del tasso di disoccupazione al 6%, e dopo tre mesi di aumenti deludenti finalmente arriva un segnale di sensibile ripresa del mercato del lavoro. Il mercato azionario aveva già scommesso su questo scenario, ma è riuscito a guadagnare ulteriormente terreno e tencicamente l'obiettivo per l'indice SP500 è situato a quota 4300.
Ieri sono stati i principali titoli tecnologici a guidare il rally: Apple sale del 2,36%, Microsoft del 2,77% e Amazon del 2,08%. Facebook guadagna il 3,43%, Google il 4,19% e Tesla il 4,43%.
Poco mosso il settore finanziario con JPMorgan che guadagna lo 0,53% e Citigroup che perde la stessa percentuale, mentre si indebolisce il settore energetico seguendo la flessione del petrolio WTI sotto ai 59 dollari al barile. L'aumento della produzione per i prossimi tre mesi deciso dall'OPEC+ è modesto, ma si confronta con una domanda ancora debole. Exxon Mobil cede quindi l'1,55% e Chevron l'1,17%.
Nonostante il rialzo del mercatro azionario quello obbligazionari non perde terreno e questa mattina il rendimento del decennale apre a 1,70% mentre il TBond sale a 156 punti.
Si indebolisce invece il dollaro con l'euro che torna sopra quota 1,1800 nonostante i lockdown in Francia e Germania.
I mercatii azionari asiatici hanno chiuso contrastati con Tokyo che ha perso l'1,30% ma Hong Kong in rialzo dell'1,97%. Invariata Shanghai nonostante il dato positivo dell'indice Caixin/Markit per il settre dei servizi di marzo, in aumento a 54,3 punti.
Per oggi non sono attesi dati macro di primaria importanza: alle 11:00 abbiamo i dati sulla disoccupazione nell'area euro per il mese di febbraio.

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.