25/06/2020

Prevalgono le prese di beneficio sui mercati azionari

Ieri i mercati azionari hanno chiuso con ampi ribassi con i mercati europei che hanno perso il 3% e Wall Street il 2,59% a 3050 punti (grafico a destra).

Ai dati poco incoraggianti provenienti dalla nuova diffusione del coronavirus negli USA e American Latina si sono aggiunte le previsioni del Fondo Monetario Internazionale circa la crescita per il 2020, riviste al ribasso al 4,9%.  Alcuni stati americani come New York  hanno annunciato disposizioni di quarantina per i visitatori provenienti dagli stati più colpiti, di fatto riaccendendo i timori di una nuovo lock-down dell’economia USA.

Le prese di beneficio hanno colpito ieri sia i titoli legativi al turismo, sia i principali titoli tecnologici; al Boeing perde il 6%, Tesla il 4% a 960 dollari, Amazon perde un punto percentuale, Apple l’1,77% e Microsoft il  2% come Google.  Facebook chiude a -3,3%.

Chiudono in ribasso anche i mercati asiatici  a parte Shanghai che sale dello 0,3%; Tokyo perde l’1,2%, Hong Kong mezzo punto e Seul l 2,27%.  Aprono negativamente anche i mercati europei e i futures americani scendono di un altro 0,8%.

La correzione dei mercati azionari favorisce il mercato dei Treasurys e questa mattina il rendimento del decennale scende a 0,67% mentre il dollaro guadagna terreno contro tutte le altre valute: l’euro apre a 1,1240 nonostante il dato positivo della fiducia dei consumatori tedeschi appena annunciato e lo yen a 107,1.

In ribasso di oltre due dollari il petrolio WTI a 37,7 dopo che ieri l’EIA ha annunciato un ulteriore aumento delle scorte americane nel corso dell’ultima settimana.

Per la giornata odierna l’attenzione è puntata sulle minute dell’ultima riunione della BCE, ma soprattutto sul dato USA degli ordiini di beni di consumo durevoli di maggio, attesi in recupero dopo il -17,2 di aprile.

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.