10/02/2021

GAM: Outlook equity 2021

GAM: Outlook equity 2021, selettività durante un sovralimentato cambiamento

 

a cura di Niall Gallagher, Investment Director, responsabile delle strategie Azionarie Europee di GAM Investments e Ali Miremadi, Investment Director, Gestore delle strategie US-Cap Equity di GAM

 

Una volta che i programmi di vaccinazione saranno avanzati nel primo trimestre del 2021, prevediamo che le restrizioni verranno ridotte, la fiducia dei consumatori aumenterà e l'attività economica accelererà notevolmente nelle aree più colpite. Molti consumatori non si sono ritrovati senza un reddito grazie ai programmi di mantenimento dei posti di lavoro finanziati dal governo, e con le restrizioni ai canali di spesa nel 2020 questo ha portato a un accumulo storicamente elevato di liquidità nei conti bancari dei consumatori e a tassi di risparmio record. Ci aspettiamo che molti di questi risparmi soprannaturali vengano spesi nel 2021. Tuttavia, l'aumento della marea non solleverà tutte le barche - è probabile che continui ad esserci un'elevata dispersione dei rendimenti a causa di caratteristiche specifiche delle azioni.

 

Rimaniamo quindi altamente selettivi. Le azioni europee con forti franchise, rendimenti elevati nel corso del ciclo e bilanci solidi dovrebbero uscire da questa crisi, a nostro avviso, rafforzati in termini competitivi. Una forte ripresa economica non farà deragliare quelle tendenze strutturali di cui discutiamo da tempo e che sono state sovralimentate nel 2020 - l'ascesa della classe media asiatica, il passaggio da offline a online del commercio, la trasformazione digitale, la decarbonizzazione e l'agenda green. Per molti aspetti l'epicentro della crescita si troverà in quelle parti del mondo dove il cambiamento è stato più dinamico. Tuttavia, è probabile che vi sia una maggiore selettività e maggiori opportunità nei mercati europei azionari o anche in quelle aree che sono state colpite in modo sproporzionato dalla crisi Covid-19. Le tendenze strutturali potranno anche non dominare i titoli dei giornali per alcuni mesi, ma continueranno a guidare la crescita operativa composita di specifiche aziende ben posizionate in cui investiamo.

 

La condizioni delle azioni USA in apertura di 2021 sono guidate da diversi potenti fattori che raramente si vedono tutti insieme: un probabile forte rimbalzo economico reso possibile dall'introduzione dei vaccini; una politica monetaria straordinariamente accomodante; un ulteriore stimolo fiscale. Solo su questa base, le prospettive per i rendimenti azionari sono positive. A ciò si contrappongono altri due punti particolarmente importanti: l'elevata valutazione delle azioni su qualsiasi precedente storico e le prospettive di inflazione. La nostra aspettativa è che a breve termine il recente recupero del value e la sovra-performance dei settori ciclici del mercato continueranno probabilmente a crescere, ma molto presto, forse già nel primo trimestre del 2021, i rendimenti di mercato diventeranno più idiosincratici e specifici in base ai singoli titoli. La logica è semplice. Dopo la crisi finanziaria globale, i rendimenti azionari sono stati in gran parte beta e guidati da fattori vari. In breve, in un mondo a bassa crescita e con tassi di interesse molto bassi, i due importanti richiami dovevano riguardare attività a lungo rischiose come le azioni e, all'interno delle azioni, avere la massima esposizione possibile alla crescita. Il principale fattore trainante è stato il continuo calo dei tassi d'interesse a lungo termine dal 2008 al 2020. È aritmeticamente impossibile che ciò si ripeta, il che significa che non possiamo aspettarci la stessa implacabile rivalutazione al rialzo delle azioni orientate alla crescita in futuro. Ci aspettiamo invece che l'alfa generato dalla selezione delle azioni diventi la caratteristica dominante della performance del mercato azionario statunitense in futuro.

 

Nel breve termine, i margini di profitto saranno probabilmente al ribasso nel quarto trimestre del 2020, ma poi dovrebbero riprendersi rapidamente, con un effetto di leva operativa nettamente positivo alla riapertura dell'economia. Sembra improbabile che la pressione sui salari sia significativa, date le prospettive occupazionali. Ci sono diverse potenziali mosse politiche che potrebbero influenzare questo quadro. Il presidente eletto Biden è a favore dell'aumento del salario minimo nazionale a 15 dollari all'ora e dell'aumento delle imposte federali sulle società dal 21% al 28%. È possibile che una politica commerciale estera meno mercantilista possa anche ridurre i dazi aggregati dal 3,2% dell’attuale amministrazione.

 

Ci aspettiamo che l'ampiezza del mercato si allarghi, poiché è improbabile che le big tech rimangano in futuro così dominanti nella crescita complessiva degli utili dello S&P 500, come è avvenuto nel 2020. All'inizio del 2021, a nostro avviso, gli industriali e i materiali dovrebbero registrare buone performance. Ci aspettiamo che la relativa sovra-performance delle aziende con forti credenziali ESG continui. L’healthcare dovrebbe uscire bene dalla pandemia, aiutato dall'eliminazione dell'incertezza politica legata alle elezioni. Alcune aree del settore tech sono chiaramente molto costose, ma riscontriamo ancora opportunità selettive, con l'esposizione a temi pluriennali come il 5G e l'Internet of Things. Anche l'esposizione ai veicoli elettrici è disponibile a valutazioni ragionevoli. Attualmente privilegiamo le azioni legate all'edilizia abitativa; anni di ridotto sviluppo immobiliare hanno colpito l'offerta, mentre abbiamo visto una forte domanda trainata da tassi ipotecari a minimi record, che aiuta l'accessibilità economica. Inoltre, i solidi bilanci delle famiglie uscendo dalla pandemia aiutano ad alimentare la fiducia. Il recente spostamento della domanda dalla città verso le zone più lontane dal centro è positivo anche per i costruttori, che si concentreranno sulle case piuttosto che sugli appartamenti in città.

Attenzione!

Alcuni dei contenuti di questa parte di sito, prodotti da società differenti da CFS Rating, possono essere dedicati ad investitori professionali, sono diffusi solo a titolo informativo e non possono essere considerati in nessun caso sollecitazione all’investimento.
Continuando la navigazione dichiari di aver letto, compreso e accettato termini e condizioni del sito.

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.