07/04/2021

I Fondi Azionari Consumer Goods

Quella dei beni di consumo è una categoria di fondi piuttosto eterogenei, con un gruppetto che investe in beni di lusso, due focalizzati sul mercato cinese e gli altri che investono in aziende del settore dei beni di consumo in generale. I fondi di questa categoria investono in azioni del settore beni di consumo seguendo solitamente un benchmark composto da due indici, il MSCI Consumer Discretionary e MSCI Consumer Staples.
Il primo è composto da 268 titoli ed è formato al 62% da titoli americani e al 14% da titoli giapponesi: Amazon ha un peso del 18% all'interno dell'indice. E' un indice molto concentrato, con i primi dieci titoli che hanno un peso superiore al 30% e sono quasi tutti americani, da Amazon a Home Depot e Walt Disney. Tra i principali titoli gli unici non americani sono la Toyota e la Daimler.
Il secondo indice è composto da 120 titoli e il 23% è rappresentato dal settore alimentare, con Nestlè, Procter & Gamble Coca Cola ai primi posti. Il peso del mercato americano è del 55%. All'interno della categoria ci sono alcuni fondi che investono solo sui titoli asiatici o dei Paesi emergenti di questo settore, e alcuni che investono in solo uno dei due comparti. Alcuni gestori aggiungono al 50% l'indice azionario globale MSCI World.
Il fondo migliore per l'investitore che vuole un'esposizione abbastanza neutrale su questo settore è il Fidelity Global Consumer Industries, mentre l'Invesco Global Consumer Trends è il fondo che ha ottenuto i risulati migliori sui tre e cinque anni, ma investe quasi esclusivamente sul settore dei consumi discrezionali. Positivi anche i risultati del BNP Paribas Consumer Innovators. Tra i fondi che investono nel settore del lusso è da segnalare il GAM Luxury Brands.

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.